RUBRICA | Dr.Chiacchiari | Sgravi Fiscali per Versamenti a Favore del No Profit

articolo del Dott.Luca Chiacchiari

PESCARA – Fra poche settimane si apre la campagna per la compilazione della dichiarazione dei redditi (modello 730 o Modello Unico) ed è quindi il momento di reperire la documentazione per ottenere gli “sconti” previsti in caso di versamenti effettuati a beneficio di enti non profit, nel corso del 2016. E’ possibile, infatti, recuperare fiscalmente il 19% di quanto versato nei seguenti casi:

  • Erogazioni liberali in denaro, fino ad un massimo di 1.500 euro, a favore di società e associazioni sportive dilettantistiche (solo versamenti “tracciati”);
  • Liberalità in denaro, fino ad un massimo di 2.065,83 euro, a favore delle associazioni di promozione sociale iscritte negli appositi registri (solo versamenti “tracciati”);
  • Spese (non superiore a 210,00 euro) sostenute per l’iscrizione e abbonamento, per i ragazzi di età compresa tra i 5 e 18 anni, ad associazioni sportive, palestre, piscine ed altre strutture ed impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica;
  • Offerte per le iniziative di rilevante valore culturale o artistico;
  • Erogazioni liberali in denaro (non superiore al 2% del reddito complessivo dichiarato) a favore di enti che svolgono attività esclusivamente nello spettacolo;
  • Contributi associativi (non superiori a 1.291,14 euro) versati dai soci alle società di mutuo soccorso (solo versamenti “tracciati”);
  • Le erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado e (dal 2013) alle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica e delle università finalizzate all’innovazione tecnologica, all’edilizia scolastica e all’ampliamento dell’offerta formativa;

E’ possibile ottenere una detrazione di imposta pari al 26% per le erogazioni liberali in denaro (non superiori a 2.065 euro all’anno) a favore delleOnlus periniziative umanitarie, religiose o laiche nei Paesi non appartenenti all’OCSE. La normativa fiscale riconosce, inoltre, detrazioni (entro il 2% del reddito complessivo) anche per le erogazioni liberali alla società di cultura “La Biennale di Venezia“ e alle fondazioni operanti nel settore musicale (in alcuni casi il limite di detrazione è elevato al 30%). Altre tipologie di sconti (deduzione da imponibile) sono previsti per donazioni alleOng (massimo il 2% del reddito complessivo); offerte a favore della Chiesa cattolica italiana e di altre istituzioni religiose (massimo 1.031,91 euro); liberalità effettuate a favore di università ed enti equiparati, enti diricerca e degli enti parco regionali e nazionali; donazioni (massimo 30% dell’imposta dovuta) all’Ospedale Galliera di Genova per l’attività del Registro nazionale dei donatori di midollo osseo.


You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*