Calciomercato | Pincelli (PentagonoPe): “Ha venduto la pelle dell’orso prima di averlo ucciso”

Il Patron della Pentagono Pescara entra a “gamba tesa” sul passaggio di Michele “Kobra” Di Tecco all’Atletico Ponzio


I NOSTRI PARTNER


STUDIO NOTARILE FUSCO


PESCARA – Il Calciomercato non dorme mai… nemmeno nel calcio UISP.

Questo inizio 2019 ha visto l’Atletico Ponzio particolarmente attivo in sede di tesseramenti / trasferimenti. Su tutti, il ritorno di Michele Di Tecco: il Kobra era pronto a percorrere la strada ormai effettuata nelle ultime annate. Passato dalla Pentagono alla Ponzio nell’estate 2017, ha fatto il percorso inverso 12 mesi dopo. Ora l’avvento del nuovo anno sembrava riportare ancora una volta l’attaccante alla corte del Presidente Listorti (LEGGI ARTICOLO).

L’articolo pubblicato ieri sera ha però suscitato la replica del Patron della Pentagono, Lorenzo Pincelli, il quale sembra voler porre il veto sul buon esito della trattativa:

Lorenzo Pincelli (Pentagono PE)

“Volevo replicare,in qualità di Presidente della ASD Pentagono Pescara al comunicato del Presidente della Ponzio. Leggendolo sono caduto dalle nuvole; sono venuto a conoscenza che il giocatore Di Tecco è stato ufficializzato come nuovo rinforzo..Voglio allora portare a conoscenza che tale giocatore è tuttora un tesserato della ASD Pentagono e nessuno è venuto a richiedermi il cartellino di tesseramento. Allora permettetemi di fare due osservazioni: una sul suddetto giocatore e una alla Società Ponzio. Fermo restando che non trattengo nessun giocatore contro la sua volontà e considerando che non stiamo parlando di fuoriclasse della categoria, sarebbe stato corretto e rispettoso informare della propria volontà i compagni di squadra e non ultimo il sottoscritto. Ha disertato la cena di Natale con la squadra,ufficialmente per impegni personali, per poi farsi fotografare nella cena di fine anno della Ponzio. Come si suol dire: ha venduto la pelle dell’orso prima di averlo ucciso. Per ciò che riguarda la dirigenza della Ponzio,permettetemi di dirvi che o siete ingenui o non conoscete il Regolamento. Mi sembra strano da una Società che l’anno scorso,invocando a gran voce il rispetto del Regolamento, si fece promotrice con altre società di un ricorso per toglierci la promozione sacrosanta conquistata sul campo. Io credo che si tratti di superficialità perché prima di ufficializzare il trasferimento del giocatore ,la prima cosa che dovevano chiedere era il cartellino!!! Concludo dicendo che il giocatore Di Tecco è tesserato con la ASD Pentagono è tale rimarrà sino al termine del campionato in corso e per un codice comportamentale interno,non verrà più convocato. Mi sembrava doveroso fare chiarezza e buon campionato a tutti!!”


Non ci resta che attendere i futuri sviluppi dell’affaire Di Tecco…


Articoli Correlati

Precedente UISP IN EDICOLA | Giovedì 10 Gennaio la Mezza Pagina UISP n°76 con Il Messaggero Successivo CASO DI TECCO | Listorti (Atletico Ponzio): "Non siamo stati noi a cercarlo"

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.